CONDIVIDI

Si parla molto di 4K e schermi curvi, ma c’è un’altra tecnologia che potenzialmente è ancora più interessante: l’OLED. OLED sta per “Organic Light-Emitting Diode” ed uno schermo OLED, anche se per assonanza rimanda ai display LED, in realtà è abbastanza differente. Mentre i televisori LED utilizzano un display a cristalli liquidi ed un sistema di retroilluminazione che crea l’immagine, i pannelli OLED emettono loro stessi una luce quando attraversati dalla corrente elettrica.

Parliamo quindi di due tecnologie diverse, che vanno ad influire sia sui costi di produzione, sia nel tipo di immagini che producono. Detto questo, la domanda che ci poniamo è: è meglio un TV LED o un TV OLED? Per aiutarvi a giudicare abbiamo messo a confronto l’LG EC9300 (OLED) ed il Samsung JS9000, uno dei migliori TV LED del 2015. Li abbiamo analizzati sotto diversi frangenti, come il livello del nero, il motion blur, l’angolo di visione, l’uniformità del colore e anche per altri aspetti in cui gli schermi OLED stentano un po’, come la luminosità, l’image retention (letteralmente “conservazione dell’immagine”) e l’effetto screen door.

LIVELLO DEL NERO

La differenza in foto non è così evidente come lo è di persona, ma si può notare che i neri sono evidentemente più profondi sul TV OLED rispetto al LED. Tutti i televisori OLED infatti possono vantare il fatto che, come già detto, i pixel che compongono lo schermo “si illuminano da soli” e quando sono spenti sono realmente “off”, perciò non emettono luce. Ciò significa che sugli schermi OLED i neri sono realmente neri. Dall’altro lato, i TV LED sfruttano un sistema di retroilluminazione per illuminare il pannello. Su una LED TV anche i neri più profondi risultano un po’ luminosi, e l’illuminazione non è mai perfettamente uniforme; ciò porta a dei neri meno profondi e di imperfetta omogeneità.

Alcuni TV LED hanno una funzione opzionale chiamata “local dimming” che serve ad oscurare solo le zone nere dello schermo, e ciò consente agli schermi LED di mostrare dei neri perfetti. Ciononostante, dal momento che ogni zona è composta da molti pixel, l’accuratezza non è perfetta e gli oggetti più luminosi sprigioneranno una grande quantità di luce. Un TV LED quindi, pur avendo il local dimming, non potrà competere appieno con le caratteristiche naturali degli schermi OLED.

Il Migliore: OLED

MOTION BLUR

Sulla maggior parte dei TV un oggetto che si muove rapidamente apparirà leggermente sfocato. Questo effetto, detto “motion blur”, è dovuto a due cause: la prima è che i pixel della maggior parte dei TV hanno difficoltà a gestire i soggetti veloci sullo schermo, perché un pixel impiega alcuni millisecondi per modificare il suo colore per riflettere la nuova posizione dell’oggetto, creando un piccolo “effetto scia”. Come possiamo notare dall’immagine sul tv LG, i modelli OLED non hanno questi problemi, mentre osservando l’immagine sul Samsung vedremo una debole scia che segue il logo.

La seconda causa del motion blur è correlata a come i TV visualizzano le immagini: molti TV OLED utilizzano una tecnica detta “sample and hold”, cioè ogni frame del video viene visualizzato per un certo lasso di tempo prima di passare al frame successivo. Le immagini sono tutte statiche, mentre i nostri occhi no, quindi anche se il video non ha insito l’effetto motion blur, il movimento dei nostri occhi ci fa sembrare che ce l’abbia. Questo è l’effetto scia che possiamo vedere nelle lettere dell’immagine sull’LG OLED: alcuni utenti preferiscono questo effetto, altri l’effetto un po’ “duplicato” offerto dal Samsung LED.

Fondamentalmente la lenta reattività dei pixel crea questa scia sugli oggetti in movimento e la tecnica “sample and hold” fa sì che lo stesso oggetto in movimento appaia più sfocato. Anche se non tutti gli utenti pensano che l’effetto “sample and hold” abbia una buona resa, di sicuro vedere una scia sugli oggetti in movimento non è il massimo… Per questo motivo possiamo dire che, in questo campo, uno schermo OLED è migliore di un LED.

Il Migliore: OLED

ANGOLO DI VISIONE

Con i tv LED noterete che l’immagine inizia a sembrare sbiadita quando guardate la tv da una posizione angolata. Ad appena 19° (un’angolazione quindi non molto ampia, anche per una tv LED), il contrasto massimo del Samsung JS9000 diminuisce del 50%. L’LG OLED, invece, subisce questa drastica riduzione solo ad un’angolazione di 82°, quindi oltre 4 volte superiore a quella dello schermo LED. L’unico piccolo difetto dell’ampio angolo di visione dello schermo OLED è che l’immagine assume una tonalità giallastra se la osserviamo da una posizione laterale e molto distante dallo schermo.

Il Migliore: OLED

UNIFORMITÀ DEL COLORE

Come i tv LED, i tv OLED non possono vantare una perfetta uniformità del colore. Confrontando i nostri due modelli, vedremo che per i grigi medi, l’OLED batte anche il migliore tv LED. Possiamo notare alcune bande di “decolorazione”, ma ben poche macchie più scure. Sui tv LED ci sono invece alcune aree di colore più scuro. L’uniformità del colore è molto importante per gli sport (i terreni di gioco sono molto grandi e per essere riprodotti perfettamente necessitano di continuità di colore) e siccome molte superfici da gioco hanno una luminosità di colore tendente al “grigio medio”, gli OLED sono molto buoni per guardare eventi sportivi.

C’è però da dire che gli stessi OLED hanno delle difficoltà con i colori più scuri. Nelle immagini vediamo come appaiono l’LG ed il Samsung quando visualizzano un grigio scuro: osservando da vicino vedremo che sull’LG la stessa striscia in alto è più luminosa rispetto al resto dello schermo, risultando molto più evidente. Ciò non avviene invece nel Samsung: fortunatamente i colori non sono quelli che solitamente vediamo su un’ampia porzione dello schermo, perciò la loro uniformità non risulta così importante. È evidente che i tv OLED non sono perfetti sui bordi, e l’uniformità del colore cambia continuamente.

Il Migliore: OLED

LUMINOSITÀ

Ci sono grandi differenze tra le impostazioni di luminosità di un tv OLED e quelle di un LED. Se proviamo a visualizzare su uno schermo OLED un’immagine prevalentemente luminosa (bianca o comunque di un colore acceso) noteremo che la luminosità complessiva del tv subirà una lieve inflessione. Ciò è dovuto ad un’apposita funzione del tv chiamata “automatic brightness limiter”. Nella tabella possiamo vedere che mentre il tv OLED è in grado di mantenere una buona luminosità massima quando visualizza un’immagine luminosa su una superficie fino al 25% dello schermo, su aree più vaste la luminosità diminuisce un po’.

Con i tv LED questo di solito non accade. Se l’oggetto luminoso è molto piccolo o occupa tutto lo schermo, la luminosità massima resta esattamente la stessa. Il Samsung JS9000 fa però eccezione: grazie alla funzione HDR, infatti, gli oggetti piccoli e luminosi risaltano di più, apparendo più brillanti del resto dell’immagine. Attivando l’HDR, più un oggetto luminoso è grande, più risulterà “fioco”. A differenza dell’ OLED, la luminosità complessiva è sempre molto alta.

Il Migliore: LED

IMAGE RETENTION

I tv OLED – come, prima di loro, gli schermi al plasma – possono trattenere le immagini statiche per alcuni minuti, mostrando in esse delle sfocature che non si notano nel resto della scena che stiamo visualizzando. Sulla sinistra possiamo vedere l’immagine di uno schermo grigio visualizzato sul tv LG dopo che aveva visualizzato il nostro test pattern a scacchiera (sulla destra). Guardando da vicino vedremo un pattern a scacchiera sfocato. Servono circa 10 minuti prima che questa sorta di “immagine trattenuta” scompaia dallo schermo. Non è certo un effetto disturbante ma, se dovesse darvi fastidio, potete optare per l’acquisto di un tv LED, poiché solo in rari casi si registrano episodi di image retention sui LED.

Il Migliore: LED

EFFETTO SCREEN DOOR (ZANZARIERA)

Negli OLED i pixel hanno dimensioni davvero piccole, perciò tra un pixel e l’altro c’è più spazio: da ciò deriva che l’immagine appaia un po’ come se stessimo guardando attraverso una zanzariera (effetto “screen door”). Per farci un’idea della differenze rispetto ai pixel di un tv LED confrontiamo i pixel dell’LG (nell’immagine a sinistra) con quelli del Samsung (a destra): noteremo che “l’effetto zanzariera” dipende molto dalla distanza dallo schermo, e risulterà più evidente quando ci troviamo molto vicini piuttosto che lontani dalla tv. Anche in questo caso i tv LED sembrano soffrirne molto meno rispetto agli OLED.

Il Migliore: LED

DISPONIBILITÀ E PREZZI

Per molti l’ostacolo principale per acquistare un tv OLED è il prezzo, poiché l’OLED più economico costa molto di più del tv LED più economico, generalmente nella fascia di prezzo dei LED top di gamma. Un altro problema è che attualmente sono ancora pochi i tv OLED disponibili e l’unico produttore ad averli già commercializzati è LG, quindi la scelta è molto limitata. Nel comparto LED invece c’è un’amplissima varietà di scelta tra produttori e modelli e, di conseguenza, offerte per tutte le tasche.

Il Migliore: LED

CONCLUSIONE

Tirando le somme, per quanto riguarda la qualità generale dell’immagine i tv OLED sono indubbiamente superiori ai LED. Se avete le possibilità economiche e desiderate un televisore dai neri perfetti, con un effetto motion blur vicinissimo allo zero, un ampio angolo di visione ed uniformità dei grigi sopra la media, un OLED è sicuramente l’acquisto migliore. Ricordate solo che neanche gli OLED sono esenti da piccoli difetti (prezzo, image retention, un lieve effetto zanzariera e variazioni di luminosità).

  • voodoonet

    scusate, ma le foto del test dove sono?

  • Luisito

    Mi sembra di leggere più o meno, le medesime osservazioni che venivano fatte a suo tempo tra gli LCD ed i Plasma. Oggi il confronto corretto è tra LCD con retroilluminazione a Led e Oled. Infatti la tecnologia è sempre quella a LCD, ovvero a cristalli liquidi, il cambiamento, consiste nella retroilluminazione. Quelli di prima generazione, avevano per la retroilluminazione dei tubi fluorescenti, quelli di seconda generazione un pannello a Led. Ma tranne questa differenza, la tecnologia è sempre quella a cristalli liquidi. Mentre gli Oled, sono una nuova tecnologia. Come per il Plasma, anche gli Oled, non richiedono retroilluminazione, in quanto se la producono da se. Come è stato detto, il fatto che una tecnologia, prevalga su altre, non è perché sia la migliore, ma dipende da diversi fattori. I costi, la convenienza per i produttori, fanno prevalere una tecnologia ad altre. Ad oggi, sembra prevalere ancora quella LCD con retroilluminazione a Led.